TeoMarchese

Welcome my new friend.
Music, Love,Breathe,Meditation and stuff i love

June 8, 2014 at 12:32pm
26 notes
Reblogged from infiniteromantic-deactivated201
Under the same stars

Under the same stars

(via ipraiseu)

June 7, 2014 at 11:32am
107 notes
Reblogged from claudialala
Just Breathe

Just Breathe

(Source: claudialala, via ipraiseu)

June 1, 2014 at 8:13pm
99 notes
Reblogged from thepilgrims-journey
Lovely

Lovely

May 1, 2014 at 8:30pm
55 notes
Reblogged from lipstickstainedwhiskey
NIce

NIce

April 28, 2014 at 4:24pm
0 notes

The Dhamma Brothers…check this out ..it is amazing….

it starts at 43 min..after the Thich Nhat Hanh interview….

April 23, 2014 at 7:07pm
251 notes
Reblogged from laughingsquid

nice

(via laughingsquid)

April 22, 2014 at 12:44pm
556 notes
Reblogged from quandorideiovivo
I love that place

I love that place

(via feedyourwanderlust)

12:43pm
1,921 notes
Reblogged from yogaholics
NIce

NIce

(via feedyourwanderlust)

April 13, 2014 at 9:12pm
3 notes
Reblogged from iamchristopherallen

Love

March 29, 2014 at 10:11pm
7 notes
Reblogged from applecorekevin

March 24, 2014 at 1:11pm
18 notes
Reblogged from quietearthyogini
quietearthyogini:

this body
~Quiet Earth Yoga

Nice

quietearthyogini:

this body

~Quiet Earth Yoga

Nice

January 31, 2014 at 5:28pm
1 note

In bilico su un piede con il vento forte

Scrivere non e’ facile , soprattutto se sai cosa dire.

In questi ultimi anni ho capito moltissime cose di me e piu’ ne capisco piu’ la mia vita “normale ” crolla sotto il peso delle convenzioni sociali. I classici problemi che una volta vedevi in lontananza sull’orizzonte della tua vita si avvicinano sempre piu’ e poi ti raggiungono. La traiettoria inizialmente, da lontano , sembrava quasi passarmi di lato, poi ,man mano che la distanza si e’ accorciata ho capito che l’impatto non avrebbe potuto essere evitato. La prospettiva mi ha fregato si potrebbe dire. Un’illusione ottica.

Cosi’.

Le peggiori paure  si manifestano e scopri che anche se pensavi di averne viste molte , alla fine non avevi visto ancora nulla.

Scopro che il dolore per la perdita di persone amate ti colpisce come un pugno e poi ti guarda con scherno, e scopro che la paura per il futuro ti butta addosso catene pesanti e ti paralizza, ti mette fretta e ti toglie il fiato. I dubbi ,le incertezze e i sensi di colpa e di fallimento vengono a bussare tutte le sere e di mattina presto.

La paura, l’ansia, la rabbia, il dolore sono la traduzione quotidiana di un’ infinita’ di NON VOGLIO, NON E’ GIUSTO, NON E’ COLPA MIA che spesso si celano e si mascherano da E’ COLPA SUA/LORO, LA VITA E’ INGIUSTA.

Insomma mi porto addosso un sacco di sassoloni e apparentemente non c’e’ verso di lasciarli.

Dico apparentemente perche’ per una parte di me sono assolutamente necessari. Una parte di me si nutre di queste paure e ansie , le vuole.

I sassi ,ho capito, posso lasciarli cadere quando voglio. Non esistono. Sono solo pensieri che ho. IO NON SONO I PENSIERI CHE HO. 

Per ora pero’ aver capito molto chiaramente questa cosa, mi ha un tantino destabilizzato. Scopro infatti che una parte di me , se gli togli queste forme di pensiero, rischia di sentirsi inutile e di scomparire. E ne ha paura, tantissima.Una parte di me vuole preoccuparsi, vuole essere in ansia e vuole sentirsi ferita.

E scopro con grandissima sorpresa che questa parte l’ho imparata.Se una persona ti fa un torto e non reagisci sei uno stupido e un debole. Se c’e’ un problema nel futuro e non te ne preoccupi sei un irresponsabile.E tante altre ancora che per spiegarle ci vorrebbero mille blog.

Quindi capisco bene ora dopo un bel po’ di lavoro (pochissimo in realta’ paragonato alla strada da fare ancora) che queste forme sono molto simili a dei piloti automatici, a delle automazioni che ho imparato per rapportarmi alla vita. Non sono mie ne mi appartengono. Sono li e io per ben 37 anni sono stato convinto di essere quelle cose.Identificato dicono quelli che ne sanno.

Ho pensato di essere il mio pilota automatico.

Adesso so che se faccio comandare loro e non sto attento tutto quello che posso aspettarmi e’ una vita infelice dove il vero Teo guarda dal finestrino.Senza dire una parola e senza partecipare veramente alla vita.

Il risultato e’ che i problemi non fanno necessariamente male. O meglio una parte fisiologica di dolore a volte  c’e’ (ma e’ rara ), tutto il resto sono una moltitudine di pensieri e pensieri e pensieri che vanno da soli e rimbalzano qui e la senza meta solo per il “gusto ” di esistere.Nel frattempo funzionano un po come un elefante in una cristalleria. 

Il piu’ bel regalo di inizio 2014 per me e’ stato accorgermi ,ma soprattutto sentire a livello interiore che io NON SONO PENSIERI. E ancora meglio , avendo sbirciato al di la di chi credevo di essere, ho scoperto che non devo essere niente e nessuno. Che chi sono e’ semplicemente un essere in divenire che non c’e’ stato prima e non si sa dove sara’ dopo. Soprattutto non identificabile e catalogabile con le piccole parole che noi uomini abbiamo creato per sintetizzare un concetto e che hanno finito per rachiudere li il mondo intero.In un involucro predefinito.

Per cui il Teo che era batterista , produttore e musicoterapeuta ha iniziato una vita senza i vecchi abiti e finalmente nudo posso iniziare a vedere per la prima volta il mondo che esiste davvero.

Un abbraccio

image

January 29, 2014 at 12:31am
1,254 notes
Reblogged from 0rient-express
Good Night

Good Night

(Source: Flickr / photoschizo, via thehyperactivebuddhist)

January 22, 2014 at 1:08pm
627,216 notes
Reblogged from queenfabs
sweet

sweet

(Source: queenfabs, via megsaps)

January 19, 2014 at 1:52pm
1 note

Little fighter !